Alla scoperta di Ortigia: consigli e indirizzi

06:30


Suggestiva isoletta della Sicilia Sud-orientale, Ortigia è l'antico centro storico di Siracusa, una piccola gemma da scoprire a piedi, approfittando di un volo per Catania in un weekend lungo, oppure, come abbiamo fatto noi lo scorso anno, utilizzandola come punto di partenza per un viaggio on the road attraverso tutta la Sicilia. Mi sono lasciata incantare dalle vecchie pietre, dai negozi di artigianato e di designer emergenti che la animano, dai sapori delle cucine che riempiono vicoli e strade, tra profumo di pesce fresco, pistacchi e pomodori essiccati. Bastano un paio di giorni per esplorarla da cima a fondo, ma se ne avete anche di più, approfittatene per godere di tutte le sue sfaccettature. Partiamo?

Quando andare
Potendo, scegliete ovviamente di andare fuori stagione, evitando i mesi di luglio e agosto in cui Ortigia è davvero piena di turisti. Se non riuscite a fare altrimenti, non disperate: prenotando con un po' di anticipo e scegliendo gli orari giusti per spostamenti e cene, riuscirete comunque a godervela.

Dove dormire
Scegliete un B&B centrale, per poter dimenticare la macchina e uscire direttamente a piedi. I parcheggi sono pochissimi, e rischiate di passare più tempo in auto che seduti a un tavolino con una granita in mano. In alternativa, prenotate una sistemazione a Siracusa vicino al ponte che la collega ad Ortigia, per poter uscire a piedi anche la sera.

B&B - Al Mercato di Ortigia
Piazza Cesare Battisti 3
Stanze molto basiche ma accoglienti, parcheggi comodi, posizione ottima. 
Si affaccia sulla piazza del vecchio mercato di cui vi parlo qui sotto.


Cosa vedere
Ortigia è un susseguirsi di panorami da sbirciare: dal lungomare, che cammina intorno alle case, dalle alture, dai vicoletti... Non perdete il Duomo, cattedrale della città, che fu costruito su uno splendido tempio dorico dedicato alla dea Atena, cambiandone (quasi) del tutto le sembianze, i resti del tempio di Apollo, il folcloristico mercato (fate scorta di pomodorini secchi, bottarga, tavolette di cioccolato di Modica, pistacchi e mandorle) e la Fonte Aretusa, sul lungomare, vicina alla parte più antica della città.
Se cercate le spiagge e avete la macchina, raggiungete in direzione Noto la spiaggia di Fontane Bianche (ci sono aree attrezzate, in agosto è piuttosto affollata), oppure, poco più avanti, la spiaggia Marchesa del Cassibile, vicino alla Pineta del Gelsomino, un paradiso naturale di pace (se avete un approccio al mare più selvaggio). Ricordatevi di chiedere sempre consigli, al bar, al b&b, al mercato: la disponibilità che abbiamo trovato noi negli abitanti ci ha fatto scoprire le spiagge più belle durante tutta la vacanza. Imperdibile anche Vendicari, la riserva naturale faunistica a metà tra Noto e Marzamemi.


Dove mangiare
Di un ristorantino imbattibile vi ho già parlato qui e vi rimando al link. Vi lascio qualche indirizzo consigliassimo, ma in generale si mangia bene praticamente ovunque. Pesce fresco e frutta secca hanno un sapore incredibile, e uniti agli agrumi e ai pomodori succosi danno vita a piatti deliziosi. Da provare, ovviamente, la granita, alla mandorla o al limone, da abbinare alle morbide brioche rotonde per colazione.

Sicilia in tavola
Via Cavour 28
Primi piatti di pasta artigianale deliziosi, conditi con ricotta salata, pomodoro fresco, pesto di mandorle, vongole, gamberi, acciughe... A pochi passi dal Duomo, con tavoli dentro e fuori, la sera è fondamentale prenotare.
Piatti a partire da 10 euro


Spizzuliamu
Via Consiglio Reginale 33
Tagliolini con bottarga e vongole, gnocchi al pesto di pistacchio, tonno rosso ai ferri e molto altro nel menu di questa mini osteria con i tavolini sistemati alla meglio in un vicoletto. 
Piatti a partire da 10 euro

Monzù Sicily
Piazza Minerva 6
Storico bar-pasticceria per una pausa rinfrescante con cannolo siciliano e granita.

Cannoli del Re
Piazza Duomo 6
E il cannolo da asporto dopo cena dove lo mettiamo? Qui li farciscono al momento con ricotta o cioccolato, creando la fila...


Cosa (e dove) comprare
Oltre allo shopping alimentare, dedicatevi alle decine di boutique e botteghe sparse per l'isoletta. Oggetti fatti a mano, abiti e fragranze vi stupiranno. Ecco qualche indirizzo

Iki boutique
Via Roma 26
Nascosto in un cortile interno, è un piccolo concept store che vende collane variopinte, sandali, magliette a righe, abiti leggeri e molto altro... Trovate un punto vendita anche a Catania.


Tabarè - Sicily in a box
Via Ruggero Settimo 7
Per i regali alimentari più pregiati passate di qui e fate scorta di vasetti: pesti (anche in formato piccolo adatto per il bagaglio a mano) e scorza di arance e limone da provare.

TAMI' concept store
Via Cavour 13
Sedie Pantone, stampe, scatoline di Pastiglie Leone, oggettistica per la casa, borse e cappelli in una fusion improbabile che però vi impedirà di uscire a mani vuote.

Cool de Sac
Via Cavour 25
Sartoria-showroom, è uno dei miei preferiti: perdetevi tra stoffe, cappotti e orecchini e assicuratevi un pezzo unico che vi ricorderà la vacanza.

Circo Fortuna
Via dei Tolomei 20
Qui troverete ceramiche colorate, e cartoline e stampe con le illustrazioni naif di Caroline van Riet, olandese trapiantata in Italia: io ho fatto scorta di cartoline con brevi messaggi, anche da regalare, e vorrei aver preso anche un paio di tazze. Nel biglietto da visita del laboratorio leggete "Circo Fortuna nasce a Siracusa, da una storia d’amore come nelle favole...


Mancherà ancora qualcosa, mi sarò dimenticata sicuramente qualche indirizzo, ma spero che il post vi possa essere utile... Buona Sicilia!

You Might Also Like

1 commenti

  1. Che meraviglia tutta questa "sicilianità" tutta insieme ...l'architettura, il mare, il cannolo...andrò in Sicilia a giugno (e tornerò sicuramente ingrassata di qualche chilo) e non vedo l'ora!! Intanto mi pregusto queste bellissime foto:)
    Buonanotte!! L.

    RispondiElimina

Popular Posts

Subscribe