Scorci di Puglia (e un trasloco imminente)

13:53


Lontana, bella Puglia. Qui visse Orazio, e prima di lui combatterono: qui combatterono i Normanni, e prima di loro combatté Annibale. In qualche luogo qui c'è Canne. Si, è qui. Forse si può confondere con Cannes sulla riva del mare: là hanno luogo i festival del cinema. Dicono che qui furono i Troiani. Non molti ritornano dalla battaglia. Rimangono le rovine, gli alberi che crescono sulle rovine, e forse non muta il cielo se non lo offuscano i fumi delle fabbriche di guerra.
La donna pugliese che pianse insieme a me ci portò poi, ogni mattina, due uova, e le poneva sul recinto di pietra. Non prendeva denaro. Ci univa il dolore. Ecco, vedete, amico, com'é difficile descrivere un paesaggio.
 
Viktor Borisovič Šklovskij, Brano di una lettera ad Ettore Lo Gatto in Ettore Lo Gatto, Russi in Italia, Editori Riuniti, Milano 1971.


Com'è difficile descrivere un paesaggio lo so anche io. Ma ancor di più mi è difficile parlare di un momento, di un'emozione, di un piccolo viaggio come questo che ho fatto a fine agosto, in Puglia.
Questa volta mi limito a lasciare qui alcune delle tante fotografie che ho scattato, perché sono la migliore memoria che ho, e a dirvi che in Puglia ci vorrei tornare.
Per darle un'altra chance.
Ho trascorso pochi giorni a nord di Bari, visitando paesini e mangiando piattoni di orecchiette con ricotta fresca grattugiata e taralli all'olio buono, camminando tra gli ulivi ritorti e sulla crosta delle saline, guardando il mare dalle rocce pungenti e frastagliate.
Mi sono innamorata di Trani, della sua pietra bianca ed elegante, del piccolo borgo di Giovinazzo, con il su e giù di stradine e vicoli stretti che si affacciano sul mare.
Ma ho visto anche paesi a margine, dimenticati, fumosi di smog, con le stradine sporche e sconnesse, i sacchetti di immondizia abbandonati agli angoli dei marciapiedi, un mare non così pulito come credevo, le strutture cadenti, i cani randagi.
Un contrasto forte e palpabile tra bellezza e degrado, che non posso dimenticare. So che non ero nella parte più famosa e curata della Puglia, so che i turisti solitamente vanno più giù, dove il mare è trasparente e le spiagge sono da cartolina. Ma visto che a portarmi lì era un festival di teatro e non una vacanza, gli spostamenti erano abbastanza limitati: sono contenta comunque di averlo visto, questo pezzetto di Italia, perché mi serve per non scordarle mai, le contraddizioni del mio paese. Più vicine di quanto possa sembrare.
 
 
Dal blog sono sparite le ricette e scrivo solo di indirizzi belli, colazioni, cene o viaggi, lo so, ma in questo periodo non riesco a cucinare quasi mai.
I piatti torneranno presto però, adesso mi aspettano settimane molto intense, un trasloco da organizzare (anzi se avete consigli per snellire il lavoro, numerare gli scatoloni etc sono tutta orecchie), e quando finalmente avrò finito di svuotare gli scatoloni e ripulire per bene quella che sarà la mia nuova cucina, torneranno anche le ricette.
Non vedo l'ora, vorrei che succedesse tutto adesso.
Ma ho imparato ad avere pazienza, in questo ultimo anno più che mai. 













You Might Also Like

13 commenti

  1. bellissime foto che raccontano una terra splendida
    in cui sono stata anche io a fine agosto, anche io solo qualche
    giorno che è bastato per farmene innamorare e dire di tornare
    p.s. anche senza ricette i post sono meravigliosi!!!!
    buon lavoro per il trasloco
    a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara, grazie!
      Tu dove sei stata? Anche io spero di tornarci presto, magari per un po' più di tempo... Un abbraccio!

      Elimina
    2. sono stata in Salento, che luoghi meravigliosi!!
      le aspettative, con cui ero partita, sono state di gran lunga superate!
      i colori del mare, quella terra rossa, gli ulivi secolari, opere d'arte della natura e del tempo,
      che staresti ore a guardarli, Lecce con il suo barocco e Otranto con le sue alte mura a
      picco sul mare e così Gallipoli e Santa Maria di Leuca...le piccole baie, le alte
      scogliere...per non parlare del cibo!! rustici, pucce, pasticciotti...
      risalendo ha passeggiato per la bianca Ostuni e poi tra i trulli di Alberobello...
      spero anche io di tornarci e per un po' più di tempo
      ti abbraccio

      Elimina
  2. Che belle foto e che belle parole. Super in bocca al lupo per la tua avventura nella casa nuova :)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao bella! Grazie mille... Ti scrivo presto, ho una cosa da proporti :-)

      Elimina
    2. oh ma che bello :D..si si certo scrivimi pure quando vuoi !!

      Elimina
  3. Amata Puglia... ci sono appena stata ma già ci tornerei! E tornerei proprio nei posti dove sei stata tu, in quei paesini bianchi e poetici che non smetterei mai di fotografare e in quelle masserie che al tramonto si tingono d'oro... Trani poi è un gioiello, è vivissimo il ricordo della notte che ci passai, un solo giorno che ha lasciato il segno!
    Grazie per avermi fatto viaggiare ancora... il bello dei post di settembre! :-)
    Quanto al trasloco, fai uno scatolone alla volta, scrivi bene su ognuno cosa c'è dentro, impacchetta con il giornale le cose più fragili, non scoraggiarti anche se il lavoro è lungo e pensa che presto avrai una casa tutta nuova da fare tua... e svuotare gli scatoloni è molto più divertente! ;-) E immagina già il piacere di tornare a cucinare quando tutto è immacolato e pulitissimo, che emozione solo a ripensarci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho seguito la tua vacanza attraverso le foto di instagram, e poi quando sei tornata, anche nel blog... Sembrava un altro mondo, meraviglioso, e mentre ero giù mi era quasi venuta una mezza idea di scendere in macchina fino a Matera... Poi non ce l'ho fatta, ma mi era rimasta troppo impressa una tua fotografia, con una colazione super scenografica... Ricordi? Senza panorama proprio :-)
      Beh poi a te la Puglia ha regalato anche un nuovo amico, non te la dimenticherai mai più questa vacanza ;-) un abbraccio Franci!

      Elimina
  4. Ciao Jessica che belle foto. Per il trasloco.. in bocca al lupo, io ne ho fatti tanti, all'inizio è un po' tutto un delirio, ma prima o poi si ritrova tutto (o quasi!). A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Antonella cara, ho già messo in conto che perderò qualcosa, spero proprio di ritrovarlo poi come dici tu ah ah :-) a presto un bacione!

      Elimina
  5. Bellissima la Puglia raccontata dai tuoi occhi...la bellezza e il degrado di cui parli la ritrovo anche ogni volta che torno in Calabria, terra paterna...forse parte del fascino sta anche in questa contraddizione che è parte del nostro del sud .
    Buon fine settimana, un bacione!
    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura, probabilmente hai ragione... E poi certo, dipenderà da zona a zona. Comunque è proprio un'altra Italia tutta da scoprire, come se fosse un piccolo mondo a sé... Un bacio!

      Elimina
  6. ...e Polignano cos'è. Una perla di luce. La passeggiata dall'inizio alla fine del paese guardando sempre il mare e quella scogliera sotto.Uno spettacolo.
    Senza tralasciare il divertimento:quanti locali e che nottate.
    La miniatura di Vd R l'ho fatta io:contenta dei 215 MI PIACE.
    Laura

    RispondiElimina

Popular Posts

Subscribe