Alce Nero-Berberé, Bologna

12:41


La pizza migliore di Bologna? Per me si trova qui, ma sono pronta a continuare la ricerca ed eventualmente ricredermi di fronte a conferme contrarie.
È nato dalla liason alimentare tra Berberè e Alce Nero questo locale che prende il nome dai loro, che è sì ristorante ma soprattutto pizzeria e bottega creativa.
Berberè (una delle cinque migliori pizzerie italiane, secondo ilGolosario 2014) ha deciso di inaugurare a settembre 2013 un suo prolungamento e portare la filosofia slow food in questo spazio semi industriale nel centro di Bologna. Lo consiglio più che altro a pranzo visto che di sera, soprattutto nel weekend, è sempre pieno e molto caotico. E perché di sera, diciamolo, via Petroni non è il massimo della vita.
Piuttosto grande, arredato su due piani con una settantina di sedie vintage in formica intorno a piccoli tavolini quadrati, illuminazione sospesa, murales. In più, c’è un lungo scaffale a parete da cui si possono acquistare (a caro prezzo, va detto) biscotti e farine biologiche, succhi di frutta, cereali e vini selezionati.
Nel menù alla carta ci sono pochi piatti, quelli di Aprile: spaghettoni di Gragnano, pomodoro, Parmigiano 24 mesi e basilico, riso Nerone freddo con capperi di Salina, pomodori secchi, burrata e limone e polpo di Porto Santo Spirito alla piastra, patate schiacciate, olive e bietole saltate. Piatti curati, leggeri, ingredienti di origine certificata. Ma la pizza è la vera peculiarità del locale.
Impasti soffici e delicatissimi, fragranti, cotti in forno a legna e cresciuti lentamente con lievito Madre o lievitazioni naturali che li rendono molto più digeribili, e condimenti non modificabili che riuniscono eccellenze italiane: per esempio patate, bietole, Parmigiano Reggiano e fiordilatte; asparagi, pancetta di Mora Romagnola e pecorino sardo; formaggio blu di capra, speck, noci e miele d’acacia; pomodoro, ricotta, pomodori secchi, origano e limone. La pizza qui è bella perché assaporata, e il modo migliore per farlo è approfittare della formula degustazione: le pizze scelte non arrivano mai in tavola insieme, per permettere di apprezzarle una a una.
Per finire si sceglie tra una manciata  di mousse o sorbetti alla frutta.
Parlando di prezzi: si va da una classica pomodoro, aglio e prezzemolo a 6,50 € fino ad arrivare ai 15 € di una più elaborata.
2,50 € in più per un impasto speciale (di kamut, lievitato naturalmente, farro, etc.) acqua microfiltrata gratis, ma poi si pagano 2,50 € per il coperto.
Insomma, caruccio, ma l'impressione è di aver speso bene i proprio soldi. A pranzo poi, ci sono formule menù molto convenienti che partono da pizza farcita e acqua a 10 €.

Costo: menù pranzo da 10 €, 15 € e 20 €; pizze da 6.50 € a 15 €

Via Petroni 9 c, Bologna

http://www.alceneroberbere.it/






You Might Also Like

1 commenti

  1. Mamma mia che fame che mi hai fatto venire Jessica!! Stasera poi vado a mangiarmi proprio una pizza, anche se non sarà prelibata come questa della foto! Come al solito segno il posto in agenda se mai verrò a Bologna! Un bacio

    RispondiElimina

Popular Posts

Subscribe