Ristorante Santandrea, Palermo

16:42

 
 
Se vi guardate intorno, mentre siete a cena fuori, vi accorgerete che ci sono due tipi di persone con voi nella sala.
 I primi sono i CONCRETI (anche detti ESSENZIALI), ovvero quelli che per valutare un ristorante si basano principalmente su qualità del cibo e servizio (magari anche sul conto, ma non necessariamente).
Quindi se i piatti sono buoni e i camerieri gentili, ecco, questo basta per uscire soddisfatti e avere voglia di tornarci.
I secondi invece -e indovinate dove mi colloco io- sono più difficili da delineare (quindi anche da accontentare). Li chiamerò ROMANTICI, giusto perché non c’è un aggettivo sufficientemente esaustivo.
Sono quelli che si innamorano della luce, del colore delle tovaglie, che si lasciano sedurre dai dettagli magari perdendo per un po’ di vista l’obiettivo “mangiare”. O che comunque lo mettono sullo stesso piano di tutto un insieme di altre cose.
Si, per me la cena è anche e soprattutto contesto e atmosfera.
Al ristorante Santandrea l’ho trovata, ancora prima di entrare: è imprigionato in una piccola piazza del centro storico di Palermo, vicino al mercato della Vucciria.
Abbiamo suonato il campanello per farci aprire, e da lì in poi la serata è stata lenta e piacevole.
Abbiamo mangiato, bevuto e chiacchierato a lungo, assaggiando specialità locali.
Del menù non ho trovato traccia su internet quindi vado solo a memoria : cucina tradizionale siciliana leggermente rivisitata, tanto pesce, agrumi e verdure.
Io ho iniziato con un assaggio di antipasti tipici, pesantucci ma in porzioni mini (panelle, caponata di melanzane, mozzarella in carrozza) e poi buonissimi involtini di pesce spada con contorno di patate al forno e insalata di finocchi, arance, olive nere.
Vino bianco, qualche dolce (cannoli e il classico tortino di cioccolato con gelato ai frutti di bosco), luci basse, si rasentava quasi la perfezione.
Da provare anche i ravioli di pesce e il pescato del giorno.
 
 
Costo: 30 € circa, vini esclusi
 
Piazza Sant’Andrea 4, Palermo
 

 
 

 
 

You Might Also Like

0 commenti

Popular Posts

Subscribe